Questo sito NON utilizza cookie di profilazione. Proseguendo nella navigazione si accetta l'utilizzo dei cookie eventualmente di terze parti. Per maggiori informazioni vi invitiamo a leggere l'informativa estesa.
SEMPRE
APERTO

CENTRO COMMERCIALE
LUN / SAB 9.00 > 22.00
DOM 9.00 > 21.00
AREA LUDICA
LUN / VEN 12.00 > 24.00
SAB 10.00 > 01.00
DOM / FESTIVI 10.00 > 24.00
CINEMA MULTISALA
LUN / VEN apertura 16.00
SAB / PREFESTIVI apertura 14.00
DOM / FESTIVI apertura 14.00
RISTORAZIONE
LUN / DOM fino alle 22.00
Piazza Grande Giostra fino alle 23.00
COSA CERCHI

Naviga la mappa e realizza tutti i tuoi desideri.
SPAZI ESPOSITIVI

Compila il form per prenotare uno spazio espositivo nelle nostre aree dedicate.

GOOD

NEWS

Il nostro blog pensato per darvi suggerimenti, ispirazioni e itinerari della nostra
città. Senza mai dimenticare le note di stile per vivere al meglio la tua quotidianità!

Storia di monza: il miracolo del mantello
16-09-2016
Ogni 6 giugno gli abitanti di Monza hanno l'abitudine di porre sulle acque del Lambro le statue di San Gerardo, patrono della città insieme a San Giovanni Battista. Quella del 6 giugno è una tradizione che ha origini davvero antiche, di cui non tutti probabilmente saranno a conoscenza.
Durante un’inondazione avvenuta nel 1177, il fiume Lambro uscito dagli argini arrivò a lambire l’Ospedale dei poveri fondato da San Gerardo, impedendovi l’accesso e rendendo pericoloso restare nell’edificio. Gerardo accorse, pose il suo mantello sulle acque e vi salì sopra, “navigando” da una riva all’altra perfettamente incolume. Una volta raggiunti i suoi malati, Gerardo ordinò che le acque si calmassero di fronte alla sofferenza degli infermi. Secondo la cronaca tramandata da Bonincontro Morigia, nonostante l'altezza delle acque superasse di almeno 20 centimetri quella delle soglie delle stanze, non passò neppure una goccia: le acque si fermarono sulle porte per alcune ore e l'ospedale e gli infermi furono salvati dall'intercessione di Gerardo dei Tintori, che in quel momento, probabilmente, divenne "per merito indiscusso" il patrono della città.

Fonte: http://www.turismonza.com/

Fonte immagine: sangerardo.org


POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE
La leggenda di San (...)
04-10-2017
Si narra che un tempo la Brianza fosse abitata da un terribile drago, che con la sua ira distruggeva ogni cosa. Il popol (...)

La Polenta dolce
20-09-2017

Sapevate che la Polenta può essere trasformata in un delizioso dolce autunnale facile da preparare? È (...)

La Triennale monze (...)
06-09-2017
Monza, ricca di storia, di bella gente e buon cibo, ma non solo. Anche l’arte è una delle cose che caratter (...)